via Linussio, 20/B - Z.I.U. UDINE - Italia

Innumera

Sull’onda degli ultimi progetti di public art e sempre più in sintonia con la ricerca di Max Schiozzi di Cizerouno e la visione delle installazioni luminose nel paesaggio urbano dell’architetto Gabriele Pitacco, il collettivo DMAV risponde alla proposta del Comune di Aquileia realizzando Innumera, percorso di arte pubblica che lavora su alcuni grandi temi legati alla storia della città e alla sua stratificazione. Innumera è un’ulteriore narrazione di comunità che continua a accendere la memoria collettiva con la costruzione perimetrale di luci al neon, lavorando sull’esplorazione dei tanti significati (storici, sociali, personali ed emozionali) che si generano a partire dalla suggestione del numero. Come in altre occasioni, il collettivo ha cercato di creare un dialogo, anche straniante, tra passato e presente del luogo, tra storia della città e paesaggio urbano. La scelta è stata quella di accentuare la valenza ipnotica della costruzione numerica, alternando i numeri romani per le date di fondazione della città, i numeri arabi per rappresentare le date che spostano l’attenzione sulla storia centrale e premoderna fino alla cifra più astratta del codice binario per intrecciare anche il filo della memoria contemporanea giocando sull’era del calcolo elettronico.

 

Innumera si pone così come intreccio viscerale tra il livello più granitico dei dati oggettivi e la trama sottile e fragile delle emozioni e della memoria soggettiva. Alla fine del nostro primo decennio di attività vogliamo proporre questo intreccio tra la struggente debolezza del ricordo individuale e la potenza delle pietre miliari della Storia. Questo doppio livello ci appare un modo per stare con la comunità in una terra di mezzo, non troppo ufficiale e non troppo strettamente personale, uno spazio di riappropriazione della capacità di raccontare, di condividere, di ricordare che va percorso insieme.